Italia

Anziana cade in una buca e chiede 73 mila euro di danni. Il Comune si oppone: «Era giorno, poteva vederla»

Cade in una buca e si fa male, chiede il risarcimento di 73.000 euro ma il Comune si oppone: «Doveva stare più attenta». E’ successo a Brindisi dove un’anziana di 73 anni, nell’ottobre del 2018, cadde in una buca Via Santa Maria del Casale. La buca «era non visibile perché coperta da fogliame ed erba». Dopo più di quattro anni la vittima della caduta ha chiesto al Comune, responsabile della manutenzione delle strade cittadine, un risarcimento di 73 mila euro dal momento che le conseguenze del ruzzolone e le lesioni riportate furono tali da richiedere il ricovero all’ospedale Perrino.

Paolo Rosario muore a 52 anni in montagna davanti agli amici: «Precipitato per 300 metri». Era noto come vignettista

La richiesta, inviata dall’avvocato della signora, ha intanto trovato una prima opposizione da parte dell’amministrazione comunale brindisina che con una delibera di giunta ha affidato all’ufficio legale del Comune di contestare la richiesta di risarcimento. Secondo l’ufficio tecnico dei Lavori Pubblici «lo stato dei luoghi, visto l’orario in cui è avvenuto il presunto sinistro (11.30, ndr), era facilmente rilevabile con una normale accortezza da parte del pedone». In sostanza secondo il Comune di Brindisi, essendo giorno, la signora avrebbe potuto e dovuto vederla, insomma «doveva stare più attenta».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio