Mondo

Case che “cadono” in mare: così spariscono interi paesi

Dell’erosione costiera ne abbiamo parlato spesso, così di quanto l’innalzamento del livello del mare connesso al riscaldamento climatico stia mettendo a repentaglio la sopravvivenza di interi paesi. Le immagini che arrivano dagli Stati Uniti illustrano in maniera drammatica quanto succede in varie parti del mondo, evidenziando le conseguenze estreme sia dei cambiamenti climatici in corso, così come forse di una sbagliata programmazione urbanistica. 

Stanno facendo il giro del mondo i video del crollo di una falesia su cui sono affacciate diverse case di super lusso a Dana Point, in California. Le riprese aeree mostrano una frana erodere le fondamenta delle abitazioni che si affacciano sull’Oceano Pacifico dopo che le forti piogge che hanno colpito il sud della California.

Dana Point

La zona è da tempo soggetta a controlli da parte delle autorità preoccupati da quella che appare una frana attiva. Gli ultimi crolli hanno messo a rischio la stabilità di una villa da 16 milioni di dollari: ai residenti – che per ora non sono stati evacuati – è stato detto di stare all’erta poiché una futura tempesta potrebbe mandare le case nell’oceano.

Come detto non si tratta di un caso isolato: dall’altra parte degli Usa, sulla costa della Florida a Jupiter la rapida erosione della spiaggia ha trasformato una casa del valore di milioni di dollari in un edificio da demolire, in appena dieci giorni.

Ma “Madre Natura” sta seminando il panico tra i residenti lungo tutta la costa della contea di Palm Beach. Anche abitazioni di recente costruzione sono state colpite dai crolli.

Il mare dentro le case: “Dobbiamo prendere i paesi e spostarli” 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio