Economia

gli importi, i requisiti, come richiederlo (e a chi spetta). La guida completa

Parte il bonus da 800 euro per mamme e papà separati. Era stato introdotto con il decreto Sostegni e poi concretizzato con un decreto dell’agosto del 2022. I soldi arrivano da un apposito fondo, per “garantire la continuità di erogazione dell’assegno di mantenimento” e la dotazione è di 10 milioni di euro. Da oggi, 12 febbraio 2024, e fino al 31 marzo sarà possibile presentare all’Inps la domanda. Il contributo vale per genitori separati, divorziati e/o non conviventi.

l fondo è finalizzato a garantire un contributo al genitore che non abbia ricevuto, del tutto o in parte, nel periodo compreso tra l’8 marzo 2020 e il 31 marzo 2022 (data nella quale è venuto a cessare lo stato di emergenza epidemiologica da Covid), l’assegno di mantenimento per inadempienza dell’altro genitore (ex coniuge o ex convivente), laddove tale genitore, in conseguenza dell’emergenza pandemica, abbia cessato, ridotto o sospeso l’attività lavorativa a decorrere dall’8 marzo 2020 per una durata minima di novanta giorni oppure abbia subito una riduzione del reddito di almeno il 30% rispetto al reddito percepito nel 2019. I criteri e le modalità per la verifica del diritto all’erogazione del Bonus sono stati definiti con il decreto del presidente del Consiglio del 23 agosto 2022.

Bonus genitori separati o divorziati fino a 800 euro, chi può richiederlo e come presentare la domanda: la guida completa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio