AttualitàPonte Milvio

L’Undicesima giornata nazionale di prevenzione dello spreco alimentare

Lunedì 5 febbraio 2024 in occasione dell’XI giornata nazionale di prevenzione dello spreco alimentare le Acli di Roma e provincia, promuoveranno un recupero speciale di eccedenze alimentari presso lo stadio Olimpico nell’ambito del progetto “Il cibo che serve”. 

L’iniziativa infatti si avvarrà della collaborazione con l’As Roma durante l’impegno di domani sera contro il Cagliari (qui le probabili formazioni del match). Gli alimenti raccolti saranno poi donati alla basilica Minore di Santa Sofia (via Boccea 478) la chiesa nazionale degli ucraini a Roma. La collaborazione col club giallorosso per il recupero del cibo avanzato nell’area hospitality dell’Olimpico nasce nel 2021. Da allora è stato recuperato un quantitativo di cibo di alta qualità pari a 5.000 kg, già 1.000 kg in questa stagione. 

Nel 2023 ul progetto “Il cibo che serve” le Acli di Roma hanno recuperato oltre 280mila pasti consegnati a più di 43 organizzazioni benefici aiutando 5.570 persone della provincia romana. 

Lidia Borzì, presidente delle Acli  di Roma e provincia ha spiegato: “Quest’anno abbiamo scelto di coniugare il messaggio di questa giornata, che intende sensibilizzare sul tema del contrasto degli sprechi alimentari, con un messaggio di pace, un pensiero rivolto alle tante persone che soffrono a causa della guerra in Ucraina e quella in Medio Oriente che si aggiungono alle tante guerre nascoste in tutto il mondo”.

La presidente delle Acli sottolinea inoltre che l’impegno contro lo spreco: “Prosegue ogni giorno, perché sappiamo che tante persone hanno difficoltà nella nostra città a nutrirsi in maniera corretta, con ripercussioni anche sulla propria salute. Allo stesso tempo, in tanti trattano il cibo con estrema disinvoltura, creando sprechi e, di conseguenza, forti diseguaglianze sociali. Per portare avanti al meglio il lavoro, però, è fondamentale il lavoro di rete, come avviene con l’AS Roma, che ringraziamo per la sensibilità al tema, e con tante altre realtà della Capitale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio